FALEGNAMERIA ZETA - G.Zucca Sas 1955-2015: 60 anni di attività a Trieste
 FALEGNAMERIA ZETA - G.Zucca Sas                         1955-2015: 60 anni di attività a Trieste                                           

Contattateci

 

FALEGNAMERIA ZETA G.Zucca di F.Zucca & C.Sas
Via Muggia, 17
34147 San Dorligo della Valle  TRIESTE

 

Tel. 388 4768386

      

E-mail:

zetatrieste1@libero.it

Pec     

zetatrieste1@pec.it

I nostri orari di apertura

lun-ven :

08:00  - 12:00 

12:30  - 17:00 

S.O.S. PRONTO INTERVENTO E MESSA IN SICUREZZA

 

di vetri rotti, scuri e tapparelle pericolanti, serramenti e porte d'ingresso danneggiati, causa effrazioni o maltempo

 

TEL. 388 4768386

 

La FALEGNAMERIA ZETA si impegna a realizzare le richieste, piccole o grandi, dei propri clienti: consultate il nostro sito e informatevi su chi siamo.

Forniamo una vasta gamma di servizi.

GLOSSARIO DEL LEGNO

A

Alburno: legno alla periferia dei tronchi, composto da cellule ancora funzionanti e nelle quali non è ancora avvenuto alcun fenomeno di duramificazione.

Architrave: trave disposta orizzontalmente sopra un'apertura, fa da sostegno alla parete sottostante.

 

B

Banco da falegname: tavolo particolarmente robusto e pesante sul quale possono essere eseguite le più comuni lavorazioni a mano di pezzi di legno non eccessivamente grandi.

Battuta: un incavo ad angolo retto realizzato lungo lo spigolo di un pezzo.

 

C

Coda di rondine: particolare incastro per giuntare due tavole ad angolo retto, consistente in denti a forma trapezoidali, ottenuti sulla testa di una delle tavole, che sono infilati ed incollati in analoghe cavità ottenute nell'estremità dell'altra tavola.

Colla: sostanza atta a far aderire durevolmente due pezzi di uno stesso materiale (legno con legno) o anche di materiali diversi (legno con metallo).

Colla a due componenti: una colla costituita da due componenti tenuti in recipienti separati, che fa presa solo quando i due componenti vengono mescolati. In genere uno dei due componenti si usa in piccole quantità ed è detto induritore.

Compensato: prodotto composto da tre strati di sfogliato o di tranciato essiccati e incollati a caldo sotto pressione uno sull'altro. Nel sovrapporre i fogli è necessario che le fibre delle facce aderenti siano sempre perpendicolari a quelle del foglio adiacente. Il maggior utilizzo è per spessori di 3 o 4 mm. In genere, per risparmiare sul costo, lo strato interno, di spessore maggiore, è di legno meno pregiato di quelli esterni, e anche di questi solo uno è di prima qualità e perfettamente levigato.

 

D

Durabilità: capacità di un legno o prodotto derivato di resistere alla degradazione indotta da sollecitazioni ambientali e biologiche (batteri, funghi, insetti...). Non ha niente a che vedere con la durezza: un legno può essere duro ma non durabile, o viceversa.

Durame: parte interna del fusto degli alberi di una certa età, nella quale le cellule sono morte e non svolgono più funzioni biologiche essenziali. Le sostanze depositate nel durame contribuiscono per la loro natura chimica ad aumentare la resistenza del legno agli attacchi di funghi ed insetti.

Durezza: la durezza è la resistenza superficiale del legno alla penetrazione di corpi estranei. La durezza è correlabile con il peso specifico del legno, che a sua volta è in relazione alla resistenza meccanica.

 

E

Essenza: nome specifico della specie di legno: pino, noce, ebano, ecc.

Essicazione: asciugatura del legname, eseguita in genere in appositi forni.

 

F

Fibratura: si riferisce alla disposizione dei vari elementi nella struttura del legno (diritta, contorta, intrecciata).

 

G

Giunto a pettine: giunto che realizza l'unione tra due tavole contigue in una lamella; è un'unione incollata sotto pressione.

 

I

Igroscopicità: proprietà di un materiale di assorbire facilemnte l'umidità dall'ambiente in cui viene messo a contatto. Il legno e i prodotti derivati sono materiali igroscopici.

Imbarcamento: curvatura del segato in direzione della larghezza.

Incernierare: fissare un'anta, una porta o uno sportello mediante cerniere.

 

L

Laccatura: termine che nell'industria del legno indica genericamente l'applicazione di lacche, vernici opache, smalti e simili per la finitura superficiale di lavori in legno.

Laminato: legno massello o legno lavorato rivestito di laminato plastico. E' robusto e si presta a numerosi impieghi come piani di tavoli o cucine, mobili vari, ripiani di libreria, ecc.

Legno dolce: termine botanico che designa il legno con struttura cellulare larga, tipico delle conifere; tale legno può avere anche notevole durezza.

Legno duro: termine botanico che designa il legno con struttura cellulare stretta; non sempre a ciò corrisponde un'effettiva durezza.

Legno lamellare: è costituito da listelli di legno massello incollati tra loro per formare pannelli di varie dimensioni e spessori. E' robusto e si presta a numerosi impieghi come piani di tavoli o cucine, mobili vari, ripiani di libreria, ecc.

Legno massello: legno ottenuto per semplice taglio del tronco, senza altre lavorazioni.

Listello: un pezzo di legno a sezione sottile, spesso usato per realizzare o rinforzare telai leggeri.

Listone: termine del commercio del legname per indicare un assortimento segato a sezione rettangolare, piallato su una faccia, e provvisto di maschio e femmina sulle due facce minori; dimensioni: larghezza da 10 a 15 cm, spessore da 22 a 28 mm, lunghezza 4 m.

 

Stampa Stampa | Mappa del sito Consiglia questa pagina Consiglia questa pagina
© Falegnameria ZETA - G.Zucca Sas
   

Chiama

E-mail